Incontri di PSICODRAMMA

Incontri di PSICODRAMMA

 

L’uomo è poco se stesso quando parla in prima persona.

Dategli una maschera e vi dirà la verità (Oscar Wilde)

  

Jacob Moreno, ideò la tecnica dello psicodramma, fu da lui definito come “scienza che esplora la verità, rappresentandola con metodi drammatici”.

L’uso della parola “dramma” (dal greco drào: opero, agisco) sottolinea maggiormente l’azione più che l’interpretazione verbale.  “Il drammatizzare”, diventa una via che da la possibilità di esprimere bisogni, sentimenti, conflitti di ruolo, senza la presenza di ostacoli e di resistenze che la vita reale ci presenta.

Il sogno ci fa accedere ad un mondo che risulta chiuso durante la veglia, e se compreso e decodificato ci porta ad una nuova conoscenza e consapevolezza di noi stessi.

Generalmente quando si analizzano i sogni viene privilegiato l’aspetto della parola, nello psicodramma, invece, l'azione del gioco, apre una nuova profondità di significati del proprio mondo onirico, attivando  affetti, fantasie, idee e  pensieri.

SOGNO E PSICODRAMMA

SOGNO E PSICODRAMMA

"SULLE TRACCE DEI NOSTRI SOGNI:

COMUNICARE CON SE' STESSI E CON GLI ALTRI

ATTRAVERSO IL SOGNO" 

(Prossimi incontri) 

 Giugno2017

 

   

Sede incontri:

Viale Lorenzo Il Magnifico, 110 - 00162 Roma (Zona Piazza Bologna)

 

Gli incontri che proponiamo vogliono essere un invito a guardare al sogno, come ad una particolare forma di comunicazione, piuttosto che un’ esperienza personale e privata, che seppure si manifesta con linguaggi e forme sui generis, può essere compresa e condivisa con e attraverso gli altri, nel suo valore di messaggio  comunicativo.

 Permettere ai nostri sogni di “entrare in gioco”, vuol dire instaurare un dialogo con noi stessi  e con gli altri, riconoscendo quanto profondamente siamo legati alle relazioni e alla realtà di cui facciamo parte. 

 

 

La quota di partecipazione è di 30 euro ad incontro

E' richiesta prenotazione

FOTOTERAPIA di GRUPPO

FOTOTERAPIA di GRUPPO

 È un'illusione che le foto si facciano con la macchina.... si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa (Henri Cartier Bresson )

 

 

Quello che proponiamo è un percorso conoscitivo di se stessi e degli altri attraverso l'uso della fotografia.

Le fotografie rappresentano un mezzo utile ad evocare, esplorare e riscoprire emozioni, sensazioni e ricordi; nel gioco di ombre e di luci che evidenziano, sono cioè rivelatrici del nostro mondo interiore.

Al tempo stesso, ri-vedersi e ritrovarsi nel qui ed ora della relazione con gli altri, attiva un processo di rivalutazione del proprio passato e dell'immagine consolidata di se, aprendo alla considerazione di altri possibili punti di vista e a nuove versioni narrative della propria esperienza.

L'uso della fotografia come facilitatore del dialogo con se stessi e con gli altri è finalizzato ad un migliore adattamento sociale ed assume rilevanza in un contesto socio culturale caratterizzato dal dominio e dalla prevaricazione delle immagini che porta sempre più a guardarsi senza vedere o a guardare sapendo già cosa vedere

 

 Sede incontri:  

Lungotevere Raffaello Sanzio, 1 - 00153 Roma -  (Zona Trastevere )

Gli incontri saranno condotti da due psicologhe, psicoterapeute

 

Giugno 2017

 

Si richiede prenotazione:

 mail: gruppiepsicoterapia@gmail.com

Dr.ssa R. Grassi 338/5707818  Dr.ssa R.Maggini 333/9220776

  

 Il costo è di 35 euro ad incontro 

Per Informazioni e iscrizioni vedi sezione contatti